VITA DA FREELANCE

Come sono diventata Web Designer

Arianna Sicuro, Web Designer

19 luglio 2022 – Trento

Ah, il Web Design, che mestiere meraviglioso!

Si, ma come si diventa web designer? Non c’è un’università o sbaglio?

Ciao, mi chiamo Arianna, nella vita realizzo siti web dal design strategico e oggi voglio rispondere a questa domanda e darti qualche spunto utile su come si diventa web designer di professione.

Facciamo un brevissimo recap prima?

Cosa fa il Web Designer

Il Web Designer è “colui che disegna le pagine web” ovvero che crea siti internet.

Questo lavoro racchiude diverse competenze e fasi di lavoro: dalla progettazione della struttura dei contenuti, alla creazione del layout grafico, fino allo sviluppo vero e proprio del sito, la sua pubblicazione e ottimizzazione.

La definizione in cui più mi ritrovo è questa: il web designer progetta esperienze online: si occupa dell’aspetto visivo e del coinvolgimento emotivo dei siti Web attraverso l’usabilità, esaltando l’unicità dell’azienda o del personal brand, valorizzandone i punti di forza, e sfruttando le potenzialità di internet.

Se vuoi approfondire questo argomento ti consiglio di dare una letta a questo articolo di blog, dove racconto per filo e per segno che cosa fa esattamente la figura del web designer.

Come avrai già immaginato, diventare web designer richiede l’apprendimento di competenze specifiche, deve essere creativo e innovativo

Deve tenersi al passo con le tendenze e ascoltare le esigenze dei suoi clienti per fornire un prodotto digitale che funzioni.

Come sbocchi professionali, un web designer può scegliere di lavorare in una web agency specializzata in comunicazione e marketing oppure in una società di servizi informatici. Altrimenti può scegliere la strada che ho intrapreso io: la libera professione.

 

Ma arriviamo al dunque.

Come si diventa Web Designer?

Ad oggi in Italia non esistono corsi di laurea specifici in Web design, ma esistono diverse scuole e istituti privati che erogano corsi riconosciuti dalla Regione di appartenenza e sono piuttosto validi!

Non importa che tu provenga da un certo indirizzo di scuola superiore, il web design si può imparare da zero, l’importante è applicarsi e studiare con impegno (se vuoi farlo diventare un lavoro).

Questi corsi specializzanti danno l’opportunità di ricevere la conoscenza base del web design e approfondire competenze nei seguenti campi: HTML, JavaScript, CSS, Responsive Web Design e i Principali CMS.

Si tratta di investire su se stessi e di avere tanta ma tanta passione e voglia di imparare un lavoro da zero, come ho fatto io, anche senza alcuna competenza iniziale del settore.

La mia esperienza di studio

Io ho frequentato l’Accademia delle Professioni di Verona, che propone il Corso Professionale per Web Graphic Designer, un percorso che mira a formare una figura che cura l’aspetto grafico sul web di aziende e privati, dalla realizzazione dell’immagine aziendale alla creazione di un sito web, e che al termine del corso, dello stage e degli esami finali rilascia una qualifica riconosciuta e spendibile a livello internazionale.

Nello specifico questo corso di web design ha l’obiettivo di formare una professionista in grado di utilizzare le tecniche e gli strumenti per:

  • la realizzazione dell‘immagine coordinata di un brand
  • lo sviluppo di un sito web con bootstrap e con WordPress
  • sviluppare un sito o una web app secondo i principi Mobile First e Responsive Design
  • la progettazione dell’interfaccia utente (UI Design) con studio del colore e dei caratteri digitali. 
  • studiare le fasi di progettazione web, dalle richieste del cliente al prototipo interattivo high-fidelity
  • la progettazione dell’Esperienza Utente (UX Design) per dispositivi mobile e desktop attraverso wireframe e prototipi interattivi con Adobe XD

Ma non è tutto!

Per avere una panoramica completa del settore digitale, sono previste lezioni di marketing digitale, SEO, imprenditoria e terminologia specifica inglese.

Al termine del corso e dopo il superamento dell’esame finale di fronte ad una Commissione Regionale ho ricevuto la Qualifica Professionale riconosciuta a livello Europeo secondo un livello di EQF3.

Conclusione

Bisogna ammettere che un corso solo non basta.

Bisogna poi scegliere in cosa specializzarsi, io ad esempio ho scelto di specializzarmi nella creazione di siti in WordPress, decidere il proprio target di riferimento e continuare a formarsi (online, in presenza o attraverso libri e video) e soprattutto mettere da subito tutto in pratica per migliorarsi ed entrare nel settore competitivo del web design.

Il web design è un settore in continua evoluzione, ecco perché è importante studiare, ma anche aggiornarsi costantemente sulle nuove tendenze e tecnologie.

Quello che posso consigliarti, secondo la mia esperienza personale, è di investire in un corso specializzante, possibilmente dove viene previsto uno stage lavorativo e partire proprio da qui per costruire il tuo futuro nel campo del web design.

Arianna

Sali a bordo anche tu

Se questo articolo ti è piaciuto e ti piacerebbe sbirciare dietro le quinte del mio lavoro iscriviti alla mia newsletter!

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


Continua la lettura

 

Come un sito web ha aiutato il mio business e come può aiutare anche il tuo

Come un sito web ha aiutato il mio business e come può aiutare anche il tuo

Un sito web diventa una vera e propria vetrina online che ti consente di avere un flusso continuo di clienti, ma questo avviene solo se progettato e realizzato con criterio e se alla base c’è un brand personalizzato che ti rende riconoscibile e distinguibile dai tuoi competitors.

Oggi voglio raccontarti come il mio sito internet ha aiutato il mio business e come può essere utile anche al tuo.

leggi tutto
Essere sempre disponibili: è un bene o un male?

Essere sempre disponibili: è un bene o un male?

Agosto, il periodo dell’anno in cui molti liberi professionisti si prendono una bella pausa estiva per ricaricare le energie e godersi le meritate ferie.

Rientro anch’io tra questa categoria.

La vera difficoltà della libera professione è forse proprio riuscire a staccare mentalmente dal lavoro, dalle responsabilità e dai clienti.

Quindi, cosa si può fare?

leggi tutto